Welcome international readers (there'll certainly be hundreds and thousands of you..) This is a blog about nurses and computers, and about the hard task of teaching us, Italian nurses and nursing students, how to use the net..
So, most of the blog will be in Italian, BUT, other contents as links, videos, etc. could be in English, so.. SYO!
Feed my fishes with your mouse..
Si è verificato un errore nel gadget

sabato 20 marzo 2010

La pipì delle donne

Questo pomeriggio mentre cercavo argomenti contro mia madre per dimostrarle che le donne tengono meno la pipì degli uomini mi sono imbattuta in un post troppo bello di una tipa pubblicato 2 anni fa, quindi ho deciso di "iniziarvelo qui", nel pieno rispetto della proprietà intellettuale e caxxi e mazzi vari. Potrete proseguire la lettura dell'email dell'amica di Lyn85 direttamente su bastardeinside.forumcommunity.net, da cui il pezzo è tratto:

 "Il grande segreto di tutte le donne rispetto ai bagni è che da bambina tua mamma ti portava in bagno, puliva la tavolozza, ne ricopriva il perimetro con la carta igienica e poi ti spiegava: 'MAI, MAI appoggiarsi sul gabinetto' e poi ti mostrava 'la posizione' che consiste nel bilanciarsi sulla tazza facendo come per sedersi ma senza che il corpo venga a contatto con la tavolozza.

'La posizione' è una delle prime lezioni di vita di una bambina, importantissima e necessaria, deve accompagnarci per il resto della vita. Ma, ancora oggi, da adulta, 'la posizione' è terribilmete difficile da mantenere quando hai la vescica che sta per esplodere.

Quando 'devi andare' in un bagno pubblico, ti ritrovi con una coda di donne che ti fa pensare che dentro ci sia Brad Pitt. Allora ti metti buona ad aspettare, sorridendo amabilmente alle altre che aspettano anche loro con le gambe e le braccia incrociate. E' la posizione ufficiale di 'me la sto facendo addosso'.

Finalmente tocca te, ma arriva sempre la mamma con 'la bambina piccola che non può trattenersi' e ne approfittano per passare avanti tutte  due!
A quel punto controlli sotto le porte per vedere se ci sono gambe. Sono tutti occupati. Finalmente se ne apre uno e ti butti addosso alla persona che esce. Entri e ti accorgi che non c'è la chiave (non c'è mai); non importa... (continua)"